lunedì 25 agosto 2014

Filastrocca

Le filastrocche sono un bellissimo modo di parlare con i bambini.  Hanno dentro di sè un ritmo musicale che riesce a "parlare" ai bambini, molto meglio rispetto i nostri discorsi "da adulti".
Noi in asilo usiamo spesso le filastrocche per accompagnare momenti della giornata.
Questa è una che amo particolarmente.
La nostra merenda è di solito composta da frutta di stagione ( principalmente mele) e pane o gallette con la marmellata.
Tagliando le mele per orizzontale invece che per verticale ( in verticale si formano gli spicchi), verrà fuori una bella ruota di mela con al centro... una stella! La magia della natura ci sorprende sempre.
E perché non accompagnare le stelline della mela con una filastrocca?

"Quattro stelle ho visto passare, quattro stelline sul bordo del mare: una per me, una per te, una la chiede la figlia del re. La quarta la vuole il reuccio cattivo : grida, comanda, la vuole per sé! Ma la stellina resta a guardare e sorridendo si spegne nel mare."

Sarà una merenda ancora più dolce!

venerdì 22 agosto 2014

[Fiori di Bach] Eccesso




E nel ricominciare riprendiamo in mano anche il discorso sui Fiori di Bach.
Questa è la quinta categoria emozionale. Per qualsiasi informazione in più, consiglio o suggerimento, scrivetemi!


La quinta categoria emozionale dei fiori di Bach è quella degli Eccessi e i fiori che portano riequilibrio a questo tipo di emozioni sono cinque: Vervain, Vine, Chicory, Beech, Rock Water.

Gli Eccessi sono un'attitudine ad eccedere, lo dice la parola stessa, cioè a trattenere troppo a lungo un'emozione fino a farla diventare una "trappola" per sé stessi e per gli altri.
Alcuni di questi squilibri emozionali sono più tipici dei climi caldi, perchè anche l'eccessivo caldo è un eccesso, come ad esempio può diventarlo l'eccessivo entusiasmo, fino a sfociare nel fanatismo. Qui siamo in presenza di tipi o personalità molto energiche, che cristallizzano atteggiamenti emozionali esagerati fino a soffrirne. Il fisico somatizza questi eccessi attraverso l'innalzamento della pressione arteriosa, inviando appunto il messaggio che si sta "eccedendo" e che si è lontani dall'equilibrio. L'essere umano spesso è in fuga da sé stesso (realtà) e sono proprio gli stati emozionali a rendere palese questo fuga.....
E così è in eccesso emozionale chi vive troppo spesso nell'entusiasmo esagerato; chi abusa del proprio potere fino a diventare troppo autoritario; chi per paura di restare solo, fa di tutto per trattenere l'altro; chi pensa di sapere tutto e diventa intollerante agli altri; chi diventa rigido perchè vuol essere perfetto.

In questo modo si generano emozioni in disequilibrio del tipo:

Esagerare (vervain)



Non sapere mettere insieme amore e potere (vine)




Attaccamento (chicory)



Arroganza che sfocia nella rabbia (beech)




Rigidità di atteggiamenti (rock water)


mercoledì 20 agosto 2014

Ricominciare.





Ebbene si, ho voglia di ricominiciare. 
Ricominciare...ma da dove?
Riprendere le fila del discorso può non essere facile. 
Non so bene neanche io, so solo che ho voglia di riprendere a scrivere su queste pagine virtuali.
Lo definirei un nuovo inizio. Una cosa nuova in uno spazio già esistente. Con vecchi contenuti che voglio lasciare disponibili.
Spero questa volta di riuscire ad essere più assidua e costante. 
Consigli, suggerimenti, critiche (costruttive :P) sono bene accetti!

Stay tuned!

giovedì 9 agosto 2012

Asilo in rima...


 C’era una volta lontano nel bosco un asilino quasi nascosto.
Ci vivon sette nanetti e due fate e si fanno cose davvero incantate.
C’è un giardino grande grande dove si mangiano le ghiande, ma anche noci, mandorle e nocciole dopo i salti e le capriole.
C’è l’altalena per provare a volare e lo scivolo per divertirsi e scivolare.
Ogni tanto propone una fata di fare una bella passeggiata. 

Così partono insieme i nanetti pronti a fare mille passetti

Lungo il percorso si osserva ammirati tutti i
fiori che nascon sui prati. Ma anche farfalle,
libellule e formiche che diventan le nostre
amiche.












E quando fuori piove e fa freddo
bisogna mettersi in testa il berretto.
Oppure in casa ci va di restare e
con i gessetti possiamo disegnare.
E il mercoledì arriva il mugnaio
che ci porta tanta farina di
grano: lesti lesti infiliamo i
grembiulini per impastare buoni
panini







Ma chi sono questi nanetti tanto carini e un po’ furbetti?

C’è Filippo il principino che vuole sempre tenere il golfino. All’asilo ha
trovato un’amica speciale e sempre con lei lui vuole giocare.
Laura alla sua sciarpa è tanto
affezionata e non l’hai mai a
casa dimenticata. Le piacciono
tanto i fiori belli, gli
asciugamani rosa e anche i
cappelli.

Poi c’è Azzurra chiacchierona…
non le manca mai la parola ed è
una gran simpaticona. Con i
bimbi si lascia anche andare e
tante canzoni riesce a intonare.

E Ivon che tesor…impara a
dire tante parol. Mangia sempre
con passion e di pasta ne vuole
ancor!

Chiara è timida e riservata ma
non ha perso tempo da quando è
arrivata. I posticini più nascosti
lei ha scovato e un bel fratellino
nel frattempo è arrivato.

Marta vuol tante chioccioline
collezionare e sempre un peluche
con sé ha da portare. La nonna
spesso all’asilo la porta e lei è
contenta se ci mangiamo una
torta.

E poi abbiamo un bimbo
gagliardo che di nome fa
Gherardo. Di trattori è
appassionato ma che bel
bimbo beato! Vuole poi le
coccole della mamma per
poter fare la nanna
Un anno insieme abbiamo passato in questo posto
davvero incantato. A tutti i nanetti mandiamo
un bacino che si posi dritto sul cuoricino!


Questo è il ricordo che ho scritto  per i genitori del nostro asilo. Sono talmente soddisfatta della mia creazione che volevo condividerla anche qui.
Buon Agosto!